Numeri pubblicati

Premio  Future Shock

Cattedre di fantascienza

FUTURE SHOCK

Pubblicazione di saggistica e narrativa di fantascienza

I nostri link

Concorsi letterari vari

Future Shock e la stampa

Home

Premio Future Shock

Ultima Edizione del Premio “Future Shock”

Racconti vincitori delle precedenti edizioni

Concorsi letterari vari

Notizie da Astrobia

 

VIII Edizione del Premio

“Future Shock”

La rivista Future Shock bandisce la VIII Edizione del Premio Nazionale di narrativa esclusivamente di science fiction, con le seguenti modalità:

1)      La partecipazione al concorso è a titolo assolutamente gratuito per i concorrenti.

2)      Possono partecipare solo racconti di science fiction. La fantasy, l'heroic fantasy, la space fantasy, l'horror, ecc. non rientrano nella materia del presente concorso.

3)      I racconti devono a) ispirarsi all'etica classica occidentale, anche laica, basata sui princìpi classici ebrei-cristiani e all'ideale dell'umanesimo scientifico-sapienziale, secondo cui «la scienza è umanistica perché è essenzialmente ricerca di un ideale. L'ideale consiste nel perseguimento della verità come fine in sé» (Enrico Cantore, L'uomo scientifico. Il significato umanistico della scienza); b) confutare il seguente severo giudizio: «la fantascienza non comunica il senso della speranza, né stimola l'impegno etico... la sua tendenza prevalente è indubbiamente terroristica» (Giovanni M.Bertin, Nietzsche. L'inattuale idea pedagogica).

4)      Si può partecipare con un massimo di tre racconti, ciascuno di una lunghezza non superiore alle 27.000 battute, spazi inclusi (usare l‘opzione Conteggio Parole nel menù Strumenti di Microsoft Word). Ogni concorrente dovrà inviare per e-mail un file, salvato in formato word (carattere Times New Roman 12) e comprendente i racconti assolutamente anonimi, contrassegnati solo da un motto o da uno pseudonimo. Solo nell'e-mail di invio a) si indicheranno nome, cognome, indirizzo postale e quello eventuale di posta elettronica; b) si aggiungeranno la dichiarazione di inedicità e i titoli dei racconti e il motto o pseudonimo usato; c) si fornirà autorizzazione all'eventuale pubblicazione, a titolo gratuito, su Future Shock: non solo i primi tre classificati, ma anche altri racconti di valore non premiati potranno essere pubblicati in uno dei numeri successivi di Future Shock. Essendo pubblicazione di natura non commerciale, nessuna collaborazione a Future Shock dà diritto a compenso.

5)      Il file deve essere inviato al seguente indirizzo: futureshock@alice.it , entro e non oltre il 30 aprile 2016.

6)      Il racconto primo classificato sarà premiato con dieci numeri di Future Shock di prossima pubblicazione, il secondo classificato con sei numeri e il terzo classificato con quattro numeri; ai tre vincitori sarà assegnato diploma, rispettivamente, di 1° classificato, 2° classificato, 3° classificato;

7)      Gli autori saranno tempestivamente avvisati del luogo e della data in cui si terrà la cerimonia di premiazione;

8)      La partecipazione al premio implica l'accettazione di tutte le norme suesposte nel bando. Il giudizio della Giuria è inappellabile. La Giuria si riserva di non assegnare i premi qualora nessuno dei racconti presentati venga giudicato meritevole. La Giuria, presieduta da Antonio Scacco, direttore editoriale di Future Shock”, è composta da Elettra Bianchi, docente di letteratura italiana, Pompeo De Vito, artista e scrittore, Marcello Landi, docente di filosofia e di storia nei Licei, Enrico Leonardi, docente di italiano e saggista, Guido Pagliarino, scrittore e saggista.

Secondo i pensatori di sinistra, per più di millecinquecento anni dall'avvento del Cristianesimo, la civiltà occidentale è rimasta nell'oscurantismo. Quando venne la luce? Quando nacque la scienza sperimentale galileiana, la quale decretò che il senso comune era sbagliato. (leggi tutto)

In Italia, scrittori e critici di fantascienza hanno fatto a gara nel tessere gli elogi dell'ideologia di sinistra, arrivando persino ad annettersi la letteratura di fantascienza con la tesi che "la "science-fiction" è libertaria perché libera la fantasia". A parte il fatto che in America, patria della fantascienza, il marxismo non ha avuto l'eco che ha avuto in Europa e che gli scrittori americani di fantascienza sono per la maggior parte schierati ideologicamente a destra (leggi tutto)

leggi.gif (13047 byte)